Home Chi siamo Rinoceronte Rubriche Notizie Puntine Calendario O.N.TheRoad

Ford porta la tecnologia body tracking per migliorare le linee produttive

Ford, casa automobilistica conosciuta sopratutto per aver adoperato per prima la catena di montaggio e il nastro trasportatore, fa ulteriori passi avanti introducendo nelle linee di produzione a Valencia, speciali tute dotate di sensori di Body Tracking, che rilevano e ottimizzano i movimenti e la postura dei lavoratori.
Il progetto pilota, ideato da Ford in collaborazione con l’Instituto Biomecánica di Valencia, coinvolge 70 dipendenti appartenenti a 21 postazioni di lavoro, tutto ciò servirà per sperimentare l'introduzione di postazioni lavorative meno stressanti per migliorare la qualità delle attività produttive.
 
Per chi non sapesse cosa fosse il Body Tracking, e una tecnologia che viene utilizzata per registrare l’attività motoria degli atleti, consentendo agli allenatori o agli sviluppatori di giochi di trasferire il potenziale delle icone dello sport nel mondo reale o sullo schermo di un videogioco.
 
“È stato dimostrato in ambito sportivo che con l’utilizzo della tecnologia di Body Tracking, piccoli aggiustamenti al modo in cui ci si muove possono avere un enorme vantaggio”, ha affermato Javier Gisbert, Production Area Manager, Ford Valencia Engine Assembly Plant. “Per i nostri dipendenti, l’uso di tecnologie simili possono garantire loro condizioni di lavoro molto più confortevoli e meno stress fisico, anche dopo una lunga giornata di attività.”
 
La tuta è composta da 15 minuscoli sensori collegati a un’unità di rilevamento wireless. Il sistema monitora la motricità del singolo individuo, tenendo traccia dei movimenti della testa, del collo, delle spalle e degli arti. Il movimento viene registrato da quattro telecamere, simili a quelle solitamente associate alle console per videogiochi, che ripropongono una versione animata in 3D dell’utente.
 
Una volta raccolti i dati, alcuni esperti di ergonomia li utilizzano per aiutare i dipendenti ad allineare correttamente la propria postura. Le misure acquisite dal sistema, come l’altezza o la lunghezza delle braccia di ogni dipendente, vengono utilizzate per progettare le workstation, in modo da adattarle meglio ai singoli utilizzatori.
 
Ford sta ora valutando l’ulteriore implementazione del progetto, relativo all’utilizzo della tecnologia di Body Tracking, anche presso altre strutture produttive europee. Per Ford, questo progetto si inserisce nell’ambito delle ricerche sull’Industria 4.0, un termine coniato per descrivere la quarta rivoluzione industriale, un nuovo approccio produttivo che abbraccia le tecnologie di automazione, l’impiego dei big data e che si pone, inoltre,  l’obiettivo di migliorare la qualità delle condizioni di lavoro dei dipendenti presso le linee di produzione.

Commenti (0)