Home Chi siamo Rinoceronte Rubriche Notizie Puntine Calendario O.N.TheRoad

The Twilight Children: benvenuti ai confini della realtà

Il nuovo fumetto Vertigo: ecco cosa ne pensiamo

I gabbiani volano alti adocchiando dal cielo il bottino dei pescatori che stanno trascinando le barche in secca, dopo una lunga giornata di lavoro in mare aperto.
Il sollievo è visibile sui loro volti seccati dal sole e dalla salsedine quando scaricano le pesanti reti e si avviano sulla strada di casa.
Mentre Anton si allontana non può fare a meno di passare davanti alla boutique di Tito, seduta sui gradini del suo negozio intenta a fumarsi una sigaretta e a gettare uno sguardo obliquo al giovane pescatore.

Non è così consueto trovare un’ambientazione sudamericana in un fumetto weird o fantascientifico, dove tempo e spazio rimangono sospesi senza fissarsi in un luogo o momento preciso e ben identificabile.
Si sente solo il calore del sole e del vento in questo paesello piccolo ma accogliente dalle tinte tiepide e un po’ assonnate.

La calma sembra regnare sovrana, sui piccoli drammi di ogni giorno che si svolgono alla luce del sole o col favore delle ombre serali; finché non accade l’imprevisto.
Di colpo e senza causa evidente iniziano a comparire grandi globi luminosi che non fanno altro che galleggiare a mezz'aria per un po’ di tempo, senza che nessuno sia mai riuscito a vederli arrivare o andarsene.
Un mistero incomprensibile che avvolge in una cappa pesante la tranquilla località marittima bagnata dall'oceano; lasciando solo un’incombente inquietudine afosa che toglie il respiro.

Mentre la storia tra Anton, Tito e il marito Nikolas si complica, arricchendosi di sfumature tutte umane, tre bambini impegnati a giocare sulla spiaggia fanno un primo incontro con una delle sfere luminose.
A niente valgono gli avvertimenti di Bundo, l’alcolizzato del paese con una terribile storia alle spalle.
La curiosità incontenibile dei bambini avrà ragione su qualunque cautela e buon consiglio.

L’FBI è in allerta e viene chiamato un team di scienziati che possa studiare il fenomeno ma senza successo: i globi spariscono per ricomparire da tutt'altra parte con una frequenza che si fa sempre maggiore.
È evidente che qualcosa è cambiato ma persi nell'ignoranza non è possibile prepararsi alle conseguenze più impensate. E come gli sperduti personaggi locali, il colpo di scena in chiusa del primo volumetto ci tiene con il fiato sospeso lasciandoci con un pugno di domande.

Image and video hosting by TinyPic

L’impressione è quella di essere finiti di colpo in una puntata di The Twilight Zone, forse complice l’assonanza nel nome di questo nuovo fumetto di casa Vertigo: The Twilight Children di Gilbert Hernandez (Love & Rockets), Darwyn Cooke e Dave Stewart (colori). Che con grande maestria ricamano una storia avvincente su una delle leggende e degli avvistamenti preferiti dagli ufologi: i globi luminosi del cielo di origine extraterrestre. 

I tratti ricordano molto da vicino quelli di Bruce Timm, con cui Darwyn Cooke ha lavorato e con cui si è formato nella sua carriera di disegnatore di fumetti. Le donne infatti hanno delle parentele molto strette con le super eroine Timmiane; la bella e sexy Tito ne è un esempio lampante. Insomma la collaborazione di questi maestri del fumetto sembra mantenere le alte aspettative che era lecito nutrire. 
Vivamente consigliato.






Commenti (0)