ACCEDI | REGISTRATI | AIUTO
Università Invisibile, di Gabriele Bianchi

Anche l'occhio (di Vecna) vuole la sua parte

Pungolo. La Soul Calibur. Il Mirari. Il Bagaglio. La bacchetta di sambuco. Ma anche: la nave volante Highwind. Il cubo della metamorfosi. Il Manuale delle Giovani Marmotte. Il pokèdex

Ogni grande saga, ogni grande avventura, ha qualcosa del genere. Sto parlando, è evidente, dell’oggetto feticcio, immancabile ingrediente di qualsiasi trilogia cinematografica, di qualsiasi infinita serie di romanzi, saga di videogiochi o epopea power metal che si rispetti. Un oggetto attorno a cui si sviluppa la storia, forse, oppure una parte essenziale dell’equipaggiamento di un personaggio, talmente pervasivamente legato a lui da esserne virtualmente indistinguibile. Oppure ancora, più semplicemente, un oggetto né particolarmente potente, né indispensabile, ma così tanto carismatico da essere indimenticabile.

La Numero Uno. L’Ocarina del Tempo. Il cappello di Indiana Jones. Il Bastone di Magius.

Oggetti che ti catturano, che esercitano un’attrazione tale che il loro stesso apparire sulla scena è salutato con un sorriso esaltato, o un sospiro. Sapete di cosa sto parlando. Ne sto parlando…in realtà senza una ragione precisa, ma è un argomento che mi frulla per la testa già da un po’. Probabilmente è che già respiro il clima di festeggiamento imminente per la prossima uscita della Quinta Edizione di Dungeons&Dragons, prevista per quest’estate, e per celebrare la quale (spoiler alert) la redazione di Orgoglio Nerd è già fin d’ora sotto con le preparazioni. E’ da settimane, quindi (in realtà da anni, ma sorvoliamo) che sto ragionando in termini di abilità, talenti, incantesimi, classi…e da lì agli artefatti il passo è breve.

L'Occhio di Vecna. L’Elmo del Teletrasporto. La Verga Inamovibile. Il Buco Portatile.

In una parola, il loot! Chi non ne ha fatto uso? Chi non si è esaltato nello scatenare tutta la potenza di un oggetto magico? E non sto parlando di quella Spada Bastarda dell’Esplosione Folgorante Vorpal +3, che il vostro Master vi ha fatto trovare in un momento di follia o di debolezza. Sto parlando di quegli oggetti magici unici, strani, con poteri particolari, spesso sulla carta per nulla letali (o perfino per nulla utili!), ma che siete riusciti a sfruttare nel modo giusto, al momento giusto, trovando l’idea giusta per risolvere in maniera creativa ed inaspettata (inaspettata per il Master, intendo) una situazione apparentemente senza via d’uscita. Non capita spesso, ma quando capita…oh, è una bella sensazione!

La Lancia Nel Senso Di Freccia. L’Anello delle Probabilità. La nave fantasma che uccide chi la guarda. La Wand of Vibration. Il Kylugenio. La “pokèball” di Mushroom. La Mano.

Potrei raccontarvi un sacco di storie che parlano di questi meravigliosi oggetti, creazioni originali mie e del mio storico gruppo di gioco –che, come forse sapete, comprende fra gli altri il nostro caro direttore e Monica di Onigiri. E forse prima o poi lo farò. Ma sono sinceramente curioso circa le vostre, di esperienze: ricopritemi di aneddoti, aneddoti di oggetti inediti che un Master particolarmente sadico vi ha fatto trovare, aneddoti di oggetti mondani usati in maniera straordinaria, aneddoti di artefatti leggendari diventati pietre miliari delle vostre avventure. Chissà mai che non mi (ci) tornino utili!

La Colonna Sonora Consigliata è quasi d’obbligo, stavolta. Sto parlando naturalmente dell’artefatto fantasy feticcio musicale per eccellenza, ovvero The Emerald Sword, del gruppo che ha rappresentato buona parte della colonna sonora delle nostre partite: i Rhapsody of Fire. L’album è Symphony of Enchanted Lands. Ma spero davvero che l'abbiate già ascoltata, e riascoltata, e riascoltata.

6 marzo 2014, 08:10

Commenti (4)

Per poter commentare devi accedere al sito. Non sei ancora registrato su Orgoglionerd? Registrati!

Daniele 03/06/2014 04:03:51
Un mio vecchio ranger aveva un coltellino con cui intagliava il legno durante i turni di notte o più in generale le poche pause che ci erano concesse. Ma l'oggetto che ricordo con più affetto prese vita durante una partita a Once Upon a Time fatta da ubriachi: un'ascia bipenne che formulando la parola magica "AOH!" apriva un portale che inghiottiva qualsiasi cosa mandandola in universi paralleli, ma con la parola "AEH!" causava una violenta grandinata di cocomeri! Dopo la sua prima apparizione, fù spesso ritirata fuori durante altre partite dello stesso gioco, e il nostro master probabilmente ce la mise come "EasterEgg" in una leggenda della nostra avventura XD
Alessandro 03/07/2014 04:03:48
Io e i miei compagni di gioco stranamente non siamo mai stati particolarmente attaccati agli oggetti stravaganti, magari più a certi personaggi-feticcio, appunto stravaganti e dai poteri poco comprensibili...però mi ricordo di due cose che hanno segnato la mia vita da giocatore di ruolo: un trittico di steli maledette di una mia campagna di Call of Cthulhu, su cui i PG si son tirati deficenti per 2 anni e una spada incantata che possedeva il mio personaggio paladino in un campagna di D&D. La particolarità di tale spada era che conteneva l'anima di un bardo spocchiosissimo, stonato, pignolo e dall'accento francese...che poi non era nemmeno potentissima, solo che ogni volta la tiravo fuori perchè da come la interpretava il master ci faceva spaccar dal ridere!!!
Manuele Sanzef Bonini 03/13/2014 11:03:04
Gioco relativamente da poco a D&D (circa un anno), ma sono già riuscito ad accaparrarmi una fantastica maschera teschio (ovviamente rubata da un cadavere dal mio ladro, senza chiedere il "permesso" al resto del gruppo) che volevo per puro senso estetico, ma che ho scoperto potentissima: permette di attraversare i muri, di usare la Disgiunzione di Mordenkainen, di evocare un mostro livello IV e di controllare i non morti. Purtroppo non ho ancora avuto la possibilità di usarla, ma non vedo l'ora!
Inoltre, non so per quale motivo, sono particolarmente affezionato alla Spada per Spappolare Tutti Tranne i Totani in "Muchkin 2/3 L'ascia o Raddoppia"
Per quanto riguarda gli aneddoti posso solo raccontare della spada laser creata da un mio amico in D&D, utilizzando una fiala di vetro, un incantesimo contenitivo e l'anima di un Litch.
Matteo 03/25/2014 06:03:37
Io e i miei amici spesso cerchiamo di ricreare con quello che abbiamo spade laser, blaster, droidi protocollari, caccia TIE, X-Wing...
2
Università Invisibile

Il paradosso della scienza

di Gabriele Bianchi

Spero che tutti siamo d'accordo sul considerare la conoscenza un bene necessario e un obbiettivo da non smettere mai di perseguire. Anziché argomentare questo assioma, lascio parlare Ugo di San Vittore, un [...]

1
Università Invisibile

Spazio: ultima frontiera

di Gabriele Bianchi

L’argomento di oggi è l’esplorazione spaziale. Lo spazio è, proprio come cristallizzato nelle immortali parole di Roddenberry che danno il titolo a questo episodio dell'Università, l'ultima frontiera, l'unico luogo dove ancora non [...]

2
Università Invisibile

Suit up!

di Gabriele Bianchi

Scenario numero 1.Siete invitati a cena a casa di amici. Non li vedete da qualche anno, ma l'occasione è importante: si fidanzano/traslocano/aspettano un bambino/sono usciti di galera... fate voi, sta di fatto [...]

2
Università Invisibile

L'emergenza del Monossido di Diidrogeno

di Gabriele Bianchi

L'argomento di oggi è uno che vi invito a prendere sul serio. Non è mai piacevole parlare di certe faccende, ma credo che sia una mia precisa responsabilità esprimermi a riguardo: non [...]

3
Università Invisibile

La capacità di parlare non fa di te un essere intelligente.

di Gabriele Bianchi

Jar Jar Binks.No, tranquilli, non è lui l'argomento della rubrica. Mi serve soltanto ad introdurre, facendo come mio solito un giro inutilmente largo, ciò di cui parleremo oggi. Pensate al linguaggio di [...]

8
Università Invisibile

Piccoli, innocui e spaventosi

di Gabriele Bianchi

Nella puntata di oggi de l'Università Invisibile mi interesserò dei fatti vostri. Sono curioso di conoscere i miei lettori, da quelli che mi seguono sempre (sapete chi siete, ragazzi!) a quelli che [...]

2
Università Invisibile

In difesa del Comic Sans

di Gabriele Bianchi

Il Comic Sans non è poi così male.Ok, smettete di ridere, sono serio. Davvero! In questo articolo tenterò di costruire una difesa argomentata del font più bistrattato di sempre. Lo so, è [...]

5
Università Invisibile

L'orrore, l'orrore

di Gabriele Bianchi

Oggi voglio descrivervi uno scenario inquietante. Si tratta di una situazione angosciosa, in grado di precipitarvi in uno stato di ansia e vacuità prossimo alla catatonia, che suscita in voi tormentose domande [...]

Advertisment