Home Chi siamo Rinoceronte Rubriche Notizie Puntine Calendario AS: Card Game O.N.TheRoad Calendario UglyDuckling

La filosofia del combattimento videoludico

Qual è l'elemento essenziale per avere un ottimo Combat System?

Uno degli aspetti che più mi affascina dei videogiochi è il combattimento.  È innegabile che l’uomo trovi affascinante l’arte del combattere; ciò non vuol dire che siamo tutti novelli Rambo o guerrafondai, infatti anche le persone più pacifiche possono provare piacere nel guardare un film d’azione o nel leggere un romanzo d’avventura, gustandosi sparatorie, duelli all’arma bianca e scazzottate. Io non sono certo un esperto e non voglio farvi una lezione sulla psiche umana, ma ho sempre trovato interessante capire il perché di quest’attrazione verso l’arte della guerra, un’attrazione che accompagna l’uomo sin dagli albori. Il motivo probabilmente va ricercato in istinti arcaici che risalgono all’epoca preistorica, quando essere forti faceva la differenza fra la vita e la morte. Il culto della forza ha attraversato tutte le epoche dell’uomo, tanto da arrivare a noi incarnata in archetipi quali i moderni super eroi, di cui ammiriamo soprattutto la potenza sovraumana, che permette loro di salvare i più deboli e sconfiggere il male. Ma la cosa veramente affascinante non è soltanto la forza in sé, ma soprattutto il rito del combattimento, che, fittizio o reale che sia, riesce a farci empatizzare con i combattenti e ci dona un flusso di emozioni unico. Chi ha fatto arti marziali lo sa: durante il lasso di tempo in cui ci troviamo faccia a faccia con l’avversario, siamo invasi da una moltitudine di sensazioni: entusiasmo, eccitazione, paura, determinazione, ecc. che la rendono una delle esperienze più intense che si possano provare. Analizzando queste emozioni ho capito che lo scopo ultimo non è la forza fine a sé stessa, che può sfociare in una dannosa violenza, ma è quello di migliorare noi stessi giorno dopo giorno. Per questo motivo, secondo me, le opere con maggiori scene d’azione hanno guadagnato sempre più pubblico, che inconsciamente vede nei successi dei protagonisti che lottano contro forze normalmente imbattibili una spinta al continuo miglioramento. Trovo che questa riflessione abbia un senso anche nel mondo videoludico, soprattutto se il combat system riesce a rendere perfettamente una piena libertà d’azione nell’utilizzare il nostro personaggio. Personalmente, infatti, prediligo sistemi magari complessi da padroneggiare ma che una volta recepiti hanno come unico limite la nostra fantasia; ovviamente i sistemi cambiano da genere a genere, ma questa caratteristica non è prerogativa di una tipologia incentrata sulle battaglie come i titoli action. Possiamo trovare ottimi sistemi ad esempio in RPG, dove gestendo bene le azioni del nostro party in una giusta strategia possiamo prevalere su qualsiasi avversario. Oppure in un gioco strategico, dove usando le truppe giuste al momento giusto possiamo sovvertire le forze in campo. L’importante, secondo me, è che il sistema deve dare al giocatore una sensazione di libertà totale non appena si impugna il pad.



La sensazione di cui parlo è difficile da spiegare a parole, è qualcosa che si sente una volta che si combatte per la prima volta, quel feeling che percepiamo man mano che impariamo i comandi base e realizziamo che una volta padroneggiato il sistema saremo liberi di affrontare il nemico come più ci piace. Recentemente ho avuto la fortuna di provare questa sensazione in diversi tipi di giochi, ad esempio con For Honor (di cui vi ho parlato qui), che riesce coi suoi duelli a esaltare gli amanti degli scontri all’arma bianca grazie a un ottimo sistema di gestione di attacco e difesa, molto profondo e complesso da padroneggiare ma sicuramente appagante. Anche Horizon Zero Dawn mi sta dando molte soddisfazioni; la quantità di armi, unita alla pianificazione di ogni scontro con le diverse e sempre imponenti bestie robot, tiene conto di tante dettagli e variabili, come l’utilizzo del terreno su cui si combatte, le debolezze elementali o lo sfruttamento dei punti deboli dei nemici, e questo rende ogni battaglia nuova e avvincente. Fra tutti questi, però, il gioco che più mi ha fatto più sentire la sensazione di una piena libertà d’azione è NieR Automata. Parliamo d’altronde di un titolo sviluppato da Platinum Games, che personalmente ritengo i migliori creatori nel campo degli action (piangiamo insieme per la sorte di Scalebound, titolo che sulla carta era molto promettente): non per niente uno dei fondatori è il grande Hideki Kamiya, creatore della saga di Devil May Cry, gioco capostipite di un nuovo modo di concepire gli action e ancora oggi uno dei migliori nel suo genere. NieR Automata ha un sistema profondo e variegato che ci permette di creare coreografie spettacolari secondo il nostro volere, una vera gioia per gli occhi e per la nostra sete di battaglie virtuali. Lo scambio di colpi con certi Boss raggiunge livelli di epicità che non vedevo da tempo, senza contare la storia intrigante che c’è dietro, ma di questo parleremo in separata sede. Il combattimento, insomma, anche nei videogiochi riesce a creare momenti indimenticabili, come lo scambio di colpi con un boss molto potente. Ricordo ad esempio diverse battaglie in The Witcher 3, epico titolo dal sistema semplice ma efficace, specialmente quella con il boss finale: dopo una sequenza di attacchi e parate con la spada, il boss ha indietreggiato lanciandomi un’onda d’urto, prontamente riflessa con lo scudo generato dal segno Quen; ho dunque provato a respingerlo con il segno Aard, per poi caricarlo con un turbine di attacchi di spada che non gli ha lasciato scampo. Uno scambio che davvero mi aveva fatto venire la pelle d’oca per l’epicità, degna di un titolo fantasy del genere. Oppure, quanto è stata grande la soddisfazione di sconfiggere il Nameless King in Dark Souls 3 dopo innumerevoli tentativi? Questi sono grandi momenti regalati da un combat system studiato per restare nella memoria del giocatore, una componente fondamentale di ogni titolo. Ditemi ora, qual è stato il gioco con il combat system più bello che ricordate o uno degli scontri più epici che avete sostenuto in un videogioco? Aspetto le vostre risposte e alla prossima.

Commenti (2)

Luisa Cresti
10/03/2017 00:15:23 (modificato 10/03/2017 00:16:09)
Mi ricorderò sempre dello scontro con Tiamat in Darksiders: il primissimo boss del gioco. Non ero ancora del tutto abituata al sistema di gioco (e avevo molta meno esperienza videoludica di adesso) e ci ho messo un'infinità di tentativi a tirare giù quella maledetta pipistrello gigante! Però alla fine è stata un'enorme soddisfazione strapparle il cuore ancora pulsante dal petto! *w*

Paradossalmente, poi con tutti i boss successivi è stata quasi una passeggiata, persino con il boss finale! =D
Simone Puleio
12/03/2017 16:17:06
L'ultimo scontro in Bioshock 2, dove devi resistere mentre Eleanore, fa evaporare l'acqua dalla vasca della zavorra del sottomarino, adoro preparare la stanza riempendola di trappole di ogni tipo e rivolgendo le macchine della sicurezza contro le orde, nel mentre gli scarico addosso l'intero arsenale di armi e plasmidi, non sarà lo scontro più epico che ho affrontato in un videogioco ma è quello più divertente per me.
Edizione 2017
Edizione 2016
di Silvio 'Shiruz' Mazzitelli

A ognuno la sua Longevità

Anche il tempo che decidiamo di investire per un videogioco cambia a seconda delle nostre esigenze e abitudini

4 Thunder Hammer
di Silvio 'Shiruz' Mazzitelli

L'importanza di essere videogiocatori

A un anno dalla nascita della nostra rubrica videoludica Thunder Hammer, riflettiamo su cosa vuol dire essere videogiocatori oggi.

6 1 Thunder Hammer
di Silvio 'Shiruz' Mazzitelli

10 Videogames che meritano un seguito, subito.

Dieci titoli che non hanno ancora avuto un seguito, ma che ne meriterebbero uno

1 4 Thunder Hammer
di Silvio 'Shiruz' Mazzitelli

La sfida eterna del videogiocatore

Parliamo dell'eterna lotta fra il videogiocatore e la sua infinita montagna di titoli da finire, c'è speranza?

4 Thunder Hammer
di Silvio 'Shiruz' Mazzitelli

Final Fantasy XV: l'eredità di una saga

Dopo diverse delusioni, il quindicesimo capitolo riuscirà a risollevare una saga storica?

2 Thunder Hammer
di Silvio 'Shiruz' Mazzitelli

Video-Manga: dal manga al videogioco

Parliamo di videogiochi tratti da manga, qual è la formula perfetta per un gioco ben riuscito?

3 Thunder Hammer
di Silvio 'Shiruz' Mazzitelli

La rivoluzione degli Indie

Come giochi creati con un basso budget siano riusciti a imporsi in un mondo di produzioni multimilionarie.

5 1 Thunder Hammer
di Silvio 'Shiruz' Mazzitelli

Open World: il prezzo della libertà

Un genere ormai sempre più diffuso, ma sarà davvero sempre la scelta migliore?

2 2 Thunder Hammer
di Silvio 'Shiruz' Mazzitelli

Idrofobia Videoludica: il terrore dei livelli subacquei

Una classifica su alcuni dei livelli acquatici più strani e difficili

2 6 Thunder Hammer
di Silvio 'Shiruz' Mazzitelli

Le nuove vie del Videogioco

Considerazioni sul futuro prossimo del mondo videoludico

1 Thunder Hammer
di Silvio 'Shiruz' Mazzitelli

Il coraggio della parola Fine

Prima o poi tutto deve arrivare a una conclusione, il punto è farla accadere al momento giusto.

1 2 Thunder Hammer
di Silvio 'Shiruz' Mazzitelli

La vita narrata da un PG

Perchè ogni personaggio che creiamo porta con sé una parte di noi

5 5 Thunder Hammer