Home Chi siamo Rinoceronte Rubriche Notizie Puntine Calendario AS: Card Game NSF

Comfort Women: quando la verità è scomoda

Gli echi della Seconda Guerra Mondiale non si sono ancora spenti

Per quanto io apprezzi le varie sfumature del Giappone, ci sono alcune situazioni e alcuni comportamenti che non riesco ad accettare.
Sappiamo tutti che non possiamo lasciare che l'amore per un Paese, o una passione, ci rendano ciechi davanti ai difetti e alle colpe.

Vi starete chiedendo di cosa stiamo parlando, di quale torbido segreto nascosto dai gentili giapponesi.

Ebbene, sono diverse le questioni che mi fanno storcere il naso, di almeno una ho già scritto in passato ed oggi voglio raccontarvene un'altra.

慰安婦 (ianfu) è il termine con cui vengono definite le donne che durante la Seconda guerra mondiale sono state costrette a “offrire” il loro corpo ai soldati giapponesi.
Più comunemente sono conosciute come Comfort women.
All'inizio pare si trattasse di “centri del comfort” composti da prostitute (giapponesi e non) offertesi volontarie, ma che poi con l'andar avanti nel tempo la cosa sia sfuggita di mano.
Lo scopo di questi centri era quello di prevenire gli stupri di guerra, ma stando a quanto raccontano le testimoni che hanno avuto il coraggio di farsi avanti dopo il conflitto, è comunque di questo che si è trattato; ragazze rapite dalle loro case, altre attirate con promesse di lavori in fabbrica o nei ristoranti, che invece si sono trovate a subire abusi sessuali ogni giorno.
Sebbene rappresenti ancora una ferita aperta soprattutto nei rapporti con la Corea, pare che non fossero coinvolte solo fanciulle coreane, bensì molte provenienti anche da altre nazioni occupate, come Thailandia, Vietnam, Filippine, e che il loro numero non sia tutt'ora ancora stato ben identificato con un range che va dalle 20.000 ad addirittura le 400.000.

Per parecchio tempo il Giappone ha negato i rapimenti e le costrizioni, ma sono stati ritrovati documenti ufficiali che confermavano le testimonianze delle donne.
Nell'arco degli anni, sono state fatte scuse e offerti indennizzi, ma ad ogni conferma seguiva una smentita.
Tutt'ora la situazione è spinosa. 



Per esempio, davanti all'ambasciata giapponese a Seoul c'è la statua di una donna che simboleggia le vittime.
Alla fine del 2015 il Primo Ministro Abe Shinzo, in seguito a un accordo tra i Ministri degli Esteri giapponese e coreano, ha chiamato il presidente coreano Park Geun- Hye offrendo scuse sincere e piene di rimorso.
Lo stesso Kishida Fumio, ministro degli esteri, ha affermato in una conferenza stampa tenutasi a Seoul che Abe si sarebbe scusato anche direttamente con le “comfort women” e che Tōkyō avrebbe finanziato un fondo di 1 miliardo di Yen per le sopravvissute.
Kishida e Yun Byung-Se, il ministro coreano, hanno anche detto che sarebbe stato firmato un trattato che avrebbe sistemato le cose una volta per tutte.
 
Anni e anni di lotte, di rifiuti e finto rimorso, di occhi chiusi sui problemi, hanno reso più profonde le ferite inferte al corpo e allo spirito di queste donne, vittime della brutalità umana e della vergogna.

In teoria gli accordi dello scorso anno dovrebbero aver creato le basi per un rapporto migliore tra le due nazioni, ma tutto è ancora da vedere. Soprattutto per l'ostinazione con cui i rappresentanti giapponesi tendono a non voler vedere e riconoscere gli errori che il proprio Paese ha compiuto negli anni.
Nessuno è perfetto, e spesso coloro che provano con tutte le forze a esserlo, nascondono macchie ancora più grandi e ombre ancora più lunghe.

Commenti (2)

Itlas
03/06/2016 08:43:17
Purtroppo i Giapponesi durante la WWII ai più sono conosciuti solo per Pearl Harbour e per le atomiche subite,ma ci dimentica sempre degli orrori che hanno perpretrato ai danni dei territori occupati,primo tra tutti il terribile Stupro di Nanchino

[link]
Francesco Possati
03/06/2016 09:03:07
Ecco, la solita propaganda filo-Cinese. Come giustamente descritto al Museo della Guerra Yushukan, a Tokyo, quello si chiama "L'Incidente di Nanchino". Praticamente 300K cinesi sono inciampati e caduti su baionette e katana della forza d'occupazione. 
Tommaso Bechini
04/06/2016 15:52:02
Mi pare di aver letto che solo con l'Imperatore Akihito (1989) si sia riconosciuto il motivo colonialistico che ha portato all'invasione dei territori in Cina, Russia e Corea nell'800/900. FIno ad allora girava la tesi che tali popoli avessero "chiesto" al Giappone di essere liberati. Un altro esempio è il famoso ritardo del telegramma di dichiarazione di guerra agli Stati Uniti, attribuito a un disguido postale.
I giapponesi sono grandi in tantissime cose, ma si vergognano del loro passato nascondendolo sotto un tappeto, mentre bisognerebbe ammettere per fare sì che non si verifichino più.
Itlas
04/06/2016 18:04:25
Sai una cosa?temo non lo nascondano per vergogna,ma per mancanza di vero pentimento,semplicemente non ne parlano per evitare di fare la parte dei colpevoli non sentendocisi.Preferiscono di gran lunga la parte delle vittime delle atomiche.
Edizione 2016
Edizione 2015
Edizione 2014
Edizione 2013
Edizione 2012
di Monica Fumagalli

Questione di percezione... o sono solo stereotipi?

Qualche anno fa stavo camminando sulla spiaggia di Miyajima, un'isola sacra poco distante da Hiroshima. D'un tratto alcuni ragazzini giapponesi [...]

2 2 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Un pensiero, una parola

Se potessimo condensare i nostri pensieri in un unica parola?

Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Foglie di tè

Parliamo della cerimonia Giapponese e del suo arrivo in Italia.

1 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Anime che un otaku dovrebbe vedere

Quali sono gli anime che un otaku dovrebbe vedere?

4 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Top 5: i luoghi del Giappone che non vorremmo che Godzilla distruggesse

la classifica dei luoghi del Giappone che non vorremmo che Godzilla distruggesse

1 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Quell'impagabile espressione

Chi di voi vorrebbe andare in Giappone?

Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

2014: l'anno del Cavallo

Come molti sanno, l'astrologia giapponese, basata su quella cinese, differisce dalla nostra. Uno dei cicli su cui si basa è [...]

2 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Un viaggio senza ritorno nel trash giapponese

Ho sempre avuto una certa vena trash che, silenziosa, mi scorreva sottopelle. Veniva nutrita da qualche immagine ogni tanto, da [...]

2 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Non si smette mai di viaggiare

Ormai sono giù passati quasi due mesi dal viaggio in Giappone di Nerd senza frontiere e Orgoglio Nerd insieme a [...]

Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Nerd Senza Frontiere 2013: non vorrai più tornare indietro

Ero in aeroporto, il 24 di settembre, e stavo aspettando l'arrivo dei partecipanti al viaggio organizzato in collaborazione con Blueberry [...]

2 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

La baia dove muoiono i delfini

Io amo il Giappone. Sono cresciuta con anime e manga che mi hanno fatta ridere e commuovere, che mi hanno [...]

5 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Onigiri senza frontiere

Un giorno, quasi per caso, ti imbatti in una cultura completamente diversa dalla tua. Accade perché hai letto uno strano [...]

4 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Il peso dei sogni

Oggi voglio parlare di shōjo, ma non di quelli melensi, che ti fanno cadere le ginocchia e venire il diabete [...]

Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Un luogo cui tornare

Del terremoto e del conseguente tsunami del 2011 in Giappone se ne è parlato molto e se ne è scritto [...]

1 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Non accettate caramelle dagli sconosciuti

Quando ancora non sapevo che Miike Takashi sarebbe diventato uno dei registi giapponesi che preferisco, seguendo un impulso che a [...]

Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Risposte agli Otaku: i ramen Calibro 38

Scusa per il disturbo,Monica mi chiamo Giangiacomo e volevo sapere se oltrealla ricetta per gli Onigiri Calibro 38,che spero un [...]

Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Risposte agli Otaku: Quale è il miglior Manga per cominciare?

Ciao Monica, Mi chiamo Alice e ho ventidue anni. Non mi definirei otaku al 100%, piuttosto discretamente otaku e ora a [...]

2 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Risposte agli Otaku: chi sarà l'erede di Dragon Ball?

Ciao Monica E' tipo la prima volta che scrivo una lettera in stile Top Girl! Comunque, mi chiamo Monica anche io [...]

10 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Il boss degli onigiri: la ricetta calibro 38.

Poiché svetta con arroganza nel titolo della mia rubrica ed è uno spuntino fondamentale nella dieta dei Giapponesi mi pare [...]

Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Hey sexy lady! Gangnam Style!

Prima di tutto oggi inauguriamo, non ufficialmente (ve ne accorgerete quando ne parlaremo seriamente), la pagina facebook dedicata alla mia [...]

3 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Alla luce dell'Orsa Maggiore

Il ventunesimo secolo è il periodo della computer grafica usata anche per fare i fazzoletti di carta e i tavoli, [...]

1 Onigiri Calibro 38
 
di Monica Fumagalli

Il kawaii non ha più confini

"Caro Babbo Natale, visto che quest'anno sono stata buona vorrei tanto che mi portassi come regalo..." Sì, lo so, sono un [...]

3 Onigiri Calibro 38
 
di Monica Fumagalli

The Beginning

So che state guardano il titolo qui sopra chiedendovi dove siete capitati e soprattutto cosa state leggendo. Questa rubrica, il cui [...]

Onigiri Calibro 38