Home Chi siamo Rinoceronte Rubriche Notizie Puntine Calendario AS: Card Game NSF

Il tuo nome...

è Giappone

Tra cinema e viaggi di Nerd senza frontiere

Questo pezzo non comincia con me che cammino sotto il sole abbagliante del Giappone (quando non ci sono tifoni), ma con me al buio dell'entrata di un cinema di Osaka mentre fisso la macchinetta automatica per scegliere il posto in sala.
È da quando ho visto per la prima volta “秒速5センチメートル” (5 cm al secondo) che mi sono innamorata delle opere di Shinkai Makoto, che ho recuperato una per una.
Quindi quando capita che mi trovi in Giappone proprio quando esce il suo nuovissimo film, di cui sto consumando il trailer da mesi, volete che non vada direttamente a guardarlo il giorno di uscita?!
Non so bene da dove cominciare.
È stato magico. Tutto.

Innanzitutto l'atmosfera che si respira al cinema, che non cambia mai, dovunque si vada.
I rumori sono ovattati, non si sente il calore che viene dall'esterno, anche il chiacchiericcio rimane fuori. I colori sono scuri, ma non troppo, le luci basse ma abbastanza chiare da permetterti di vedere dove vai.
Ho scelto, quasi per caso, lo spettacolo in una sala piccolina, 90 persone massimo, compresi i posti per le sedie a rotelle, che ammetto di non aver ancora visto da noi.
Mi è piaciuto vedere che prima di entrare c'era una specie di rastrelliera piena di cuscini belli alti che si possono prendere in prestito. Perfetti per i bambini, ma non solo!
La trepidazione prima dell'inizio è sempre quasi palpabile.
Poi “君の名は”(Il tuo nome) è cominciato e sono stata in un sogno per un'ora e mezza.
Ha la delicatezza e la forza dei film di Shinkai, con i suoi paesaggi perfetti, pieni di luce, in cui ogni particolare è talmente curato che sembra di essere in quei luoghi, di camminarci attraverso, di poter toccare gli edifici e sentire il vento sulla pelle.
E la musica... La musica colpisce dritta al cuore.
Le canzoni composte dai RADWIMPS, gruppo musicale giapponese, insieme al montaggio delle scene fanno venire i brividi e rendono ogni momento indimenticabile.
Finalmente, lo ripeto, finalmente, anche i personaggi hanno delle fattezze ben disegnate, il character design è stato lasciato allo stesso artista che si è occupato di Anohana, e quindi i protagonisti non sono più delle creature abbozzate che si muovono in un mondo perfetto.



Ci sono momenti divertenti, ho riso più di una volta e ogni tanto ripensando ad alcune scene rido ancora, e altri molto tristi (ho visto anche la ragazza seduta di fianco a me asciugarsi le lacrime alla fine, proprio mentre stavo asciugando le mie).
Poi è finito e io ho ricominciato a respirare.
Ho adorato che le luci, nemmeno quelle per aiutare l'uscita, si siano accese fino alla fine dei titoli di coda. 
Tutti sono rimasti seduti fino a quando l'ultimo nome non è scomparso e lo schermo si è fatto nero.

Fuori dalla sala ci aspettavano due addette al ritiro dei rifiuti. Le persone portavano fuori il loro bel vassoietto (perché sì, ti danno il vassoietto per portare popcorn e bibita – o anche solo uno dei due-) e lo consegnavano alle ragazze che separavano rigorosamente per tipo gli scarti.

Questa mia prima volta in un cinema qui è come la prima volta che si viene in Giappone, lo vedo sui volti delle persone che accompagno in tour e so che era la stessa che avevo io.
Quell'espressione di stupore continua, gli occhi spalancati per catturare ogni particolare per quanto la luce possa essere abbagliante. E alla fine, quando si ritorna in Italia si ricomincia a respirare, chiedendosi se si abbia vissuto un sogno o se sia stato tutto vero.
Ci sono alti e bassi, sia nel film sia nei viaggi, è ovvio che non sia sempre tutto bello, ma ha abbastanza fascino per lasciarti un ricordo di cui farai tesoro.
Ma soprattutto sono le piccole cose, cui noi spesso non pensiamo ma che fanno sempre piacere, che rendono tutto un po' più speciale: un cuscino in più, una finestra illuminata in più disegnata sullo sfondo lontano di un fotogramma nella scena di un film...

Per qualsiasi curiosità e domanda non dovete far altro che mandarmi una mail al mio indirizzo: onigiricalibro38@orgoglionerd.it oppure scrivetemi un pm sulla mia pagina facebook Onigiri Calibro 38

See you space cowboy!

Seguite le mie avventure in Giappone di questa estate su facebook e instagram @nerdsenzafrontiere

Postilla:
per chi non ne avesse mai sentito parlare, “君の名は”(Il tuo nome) è la storia di un ragazzo e una ragazza che non si conosco e che abitano in due parti diverse del Giappone che una mattina si ritrovano uno nel corpo dell'altra. 

Commenti (0)

Edizione 2016
Edizione 2015
Edizione 2014
Edizione 2013
Edizione 2012
di Monica Fumagalli

Allerta suicidi, anche i social collaborano.

È arrivata l'estate!!All'inizio avevo pensato di raccontarvi delle scorpacciate d'anguria, delle feste in yukata e dei matsuri cui ho partecipato [...]

2 1 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Comfort Women: quando la verità è scomoda

Gli echi della Seconda Guerra Mondiale non si sono ancora spenti

5 4 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Questione di percezione... o sono solo stereotipi?

Qualche anno fa stavo camminando sulla spiaggia di Miyajima, un'isola sacra poco distante da Hiroshima. D'un tratto alcuni ragazzini giapponesi [...]

2 2 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Un pensiero, una parola

Se potessimo condensare i nostri pensieri in un unica parola?

Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Foglie di tè

Parliamo della cerimonia Giapponese e del suo arrivo in Italia.

1 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Anime che un otaku dovrebbe vedere

Quali sono gli anime che un otaku dovrebbe vedere?

4 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Top 5: i luoghi del Giappone che non vorremmo che Godzilla distruggesse

la classifica dei luoghi del Giappone che non vorremmo che Godzilla distruggesse

1 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Quell'impagabile espressione

Chi di voi vorrebbe andare in Giappone?

Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

2014: l'anno del Cavallo

Come molti sanno, l'astrologia giapponese, basata su quella cinese, differisce dalla nostra. Uno dei cicli su cui si basa è [...]

2 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Un viaggio senza ritorno nel trash giapponese

Ho sempre avuto una certa vena trash che, silenziosa, mi scorreva sottopelle. Veniva nutrita da qualche immagine ogni tanto, da [...]

2 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Non si smette mai di viaggiare

Ormai sono giù passati quasi due mesi dal viaggio in Giappone di Nerd senza frontiere e Orgoglio Nerd insieme a [...]

Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Nerd Senza Frontiere 2013: non vorrai più tornare indietro

Ero in aeroporto, il 24 di settembre, e stavo aspettando l'arrivo dei partecipanti al viaggio organizzato in collaborazione con Blueberry [...]

2 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

La baia dove muoiono i delfini

Io amo il Giappone. Sono cresciuta con anime e manga che mi hanno fatta ridere e commuovere, che mi hanno [...]

5 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Onigiri senza frontiere

Un giorno, quasi per caso, ti imbatti in una cultura completamente diversa dalla tua. Accade perché hai letto uno strano [...]

4 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Il peso dei sogni

Oggi voglio parlare di shōjo, ma non di quelli melensi, che ti fanno cadere le ginocchia e venire il diabete [...]

Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Un luogo cui tornare

Del terremoto e del conseguente tsunami del 2011 in Giappone se ne è parlato molto e se ne è scritto [...]

1 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Non accettate caramelle dagli sconosciuti

Quando ancora non sapevo che Miike Takashi sarebbe diventato uno dei registi giapponesi che preferisco, seguendo un impulso che a [...]

Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Risposte agli Otaku: i ramen Calibro 38

Scusa per il disturbo,Monica mi chiamo Giangiacomo e volevo sapere se oltrealla ricetta per gli Onigiri Calibro 38,che spero un [...]

Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Risposte agli Otaku: Quale è il miglior Manga per cominciare?

Ciao Monica, Mi chiamo Alice e ho ventidue anni. Non mi definirei otaku al 100%, piuttosto discretamente otaku e ora a [...]

2 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Risposte agli Otaku: chi sarà l'erede di Dragon Ball?

Ciao Monica E' tipo la prima volta che scrivo una lettera in stile Top Girl! Comunque, mi chiamo Monica anche io [...]

10 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Il boss degli onigiri: la ricetta calibro 38.

Poiché svetta con arroganza nel titolo della mia rubrica ed è uno spuntino fondamentale nella dieta dei Giapponesi mi pare [...]

Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Hey sexy lady! Gangnam Style!

Prima di tutto oggi inauguriamo, non ufficialmente (ve ne accorgerete quando ne parlaremo seriamente), la pagina facebook dedicata alla mia [...]

3 Onigiri Calibro 38
di Monica Fumagalli

Alla luce dell'Orsa Maggiore

Il ventunesimo secolo è il periodo della computer grafica usata anche per fare i fazzoletti di carta e i tavoli, [...]

1 Onigiri Calibro 38
 
di Monica Fumagalli

Il kawaii non ha più confini

"Caro Babbo Natale, visto che quest'anno sono stata buona vorrei tanto che mi portassi come regalo..." Sì, lo so, sono un [...]

3 Onigiri Calibro 38
 
di Monica Fumagalli

The Beginning

So che state guardano il titolo qui sopra chiedendovi dove siete capitati e soprattutto cosa state leggendo. Questa rubrica, il cui [...]

Onigiri Calibro 38