Home Chi siamo Rinoceronte Rubriche Notizie Puntine Calendario AS: Card Game NSF

Don't Be Lasagna

Parliamo della vignetta di Charlie Hebdo sul terremoto.

Avete presente quando accade una tragedia all'estero? Non so, cade un ponte. Facciamo finta che sia caduto un ponte in Russia. Studio Aperto fa: “in Russia è caduto un ponte” con estrema professionalità.
Quella gente, quella della quale parleremo tra poco, passa davanti alla tv e ignora la notizia come ignorerebbe qualsiasi altra notizia.
Poi però Studio Aperto aggiunge, ignorando tutte le altre vittime: “Dispersi anche due italiani” e mentre tu pensi “ok, ma sembra che i nostri dispersi valgano più degli altri” quella gente, quella che arriverà fra poco, di colpo però si interessa alla notizia del ponte in Russia, scrive un commento su un social qualsiasi rivolto esclusivamente a quei due turisti e ci mette pure una bandiera sperando di non aver usato quella del Messico per sbaglio, come l'ultima volta.
Vero o no, non riesco a non credere che sia quel tipo di pubblico che ora si sta indignando per la vignetta di Charlie Hebdo, forse lo voglio credere.
Lo stesso pubblico che era vicino alla tragedia capitata alla rivista un anno fa, magari solo per giustificare un po' di razzismo, forse solo perché non aveva capito la questione.
Perché ai tempi essere “Charlie” non significava pensare come Charlie, non significava nemmeno poi troppo “solidarietà” significava libertà, libertà di fare satira come di fare qualsiasi altra cosa senza che qualcuno ti sparasse o minacciasse.

Ma sono tutti Charlie con i morti degli altri, e se la satira punge te smette di essere tale, diventa un meditato attacco che merita di essere censurato, bloccato, fermato e dimenticato dopo una settimana, dipende da quando uscirà  il nuovo video del tuo rapper preferito (ne avevamo parlato qui).
E allora nugoli di italiani scrivono in capslock contro una vignetta, spiegano (sempre alla vignetta) cosa è satira e cosa non lo è, spiegano che la satira deve fare ridere, sempre, e se loro non hanno riso allora non lo ha fatto nessuno e quindi non è satira.
Cercare appigli logici per sminuire la vignetta, sfotterne la fattura del tratto o come è colorata.
Se non mi piace è sbagliato, la vignetta li ascolta e prende nota.
Sembra che agli italiani proprio non vada giù il fatto che si possa parlare male delle lasagne o forse si tratta di altro? Ah, già i morti.
Non si scherza sui morti (italiani), sulle tragedie (italiane), si scherza solo sulle cose belle (meglio se estere) per renderle ancora più carine.



Mi immagino gli indignati di oggi che si ritrovano ogni Giovedì aggiungendo al loro grande librone i titoli di cosa non fa ridere, di cosa deve essere eliminato dalla faccia della terra perché non è di loro gradimento, credo siano le stesse cose per tutti. Altrimenti ciascuno di loro potrebbe avere un piccolo taccuino dove annota i titoli delle riviste di satira, delle canzoni o i nomi dei comici che devono sparire.
Magari uno di questi indignati ha del potere su altri indignati e non, e allora perché non usare quel taccuino per decidere cosa i suoi sottoposti posso ritenere opportuno?
Se non fa ridere me, non fa ridere nessuno. Se lo trovo di cattivo gusto non deve esistere, e visto che scrivere in caps lock alla vignetta non è servito, probabilmente perché è francese e non capisce, meglio spiegare agli altri cosa è giusto oppure no.
Solo in questo modo la fiera bandiera del Messico potrà tornare a sventolare in Italia.

Intanto ciò che sventola è la vignetta, che ha fatto parlare nuovamente di una tragedia che già stava sparendo sulle labbra di tutti questi indignati, che ha fatto ritornare in mente per un altro paio di giorni la questione agli Italiani che già guardavano al prossimo ponte pericolante.
La cosa che preferisco della satira è che non importa a nessuno se ti piace oppure no, se fa ridere oppure no, lei è lì e fa parlare.

Commenti (2)

Mario D. Minopoli
02/09/2016 19:57:47
Se non erro già il giorno dopo il sisma, i telegiornali italiani riportavano il succo di un discorso fatto dal professore nipponico Taro Yokoyama esperto della progettazione e della ristrutturazione di edifici anti-sismici: "L'Italia dica addio a mattoni e sassi". La vignetta di Charlie mi ha fatto sorridere amaramente come mi ha fatto sorridere amaramente quella frase. Entrambi hanno fatto una critica, manco a dirlo, costruttiva su un disastro che ha portato alla distruzione di due paesi e la morte di quasi 300 persone. Il terremoto non poteva essere evitato, questo è chiaro, ma il disastro si. Il sorriso amaro nasce dalla consapevolezza che bastava poco per evitare il disastro e, non tanto Yokoyama quanto la seconda vignetta di Charlie, mi ricorda che, qui in Italia, 300 morti per un terremoto sono solo i frutti di un albero che ha radici marce.
Mauro
04/09/2016 19:10:30 (modificato 04/09/2016 19:11:11)
Molte delle discussioni scaturite su Facebook nei giorni scorsi dipendono anche dal fatto che in Italia non si é mai avuto un concetto chiaro del termine "satira". E questo essenzialmente a causa del fatto che in Italia si fa pochissima satira e si parte comunque sempre dal presupposto che debba far ridere: "Se non fa ridere, non é satira". In questo senso si scambia per comicità o parodia qualcosa che non ha nulla a che vedere con nessuna delle due cose. Spiegare il perché questa vignetta non offende i morti del terremoto dovrebbe venire a seguito di una spiegazione ben piú lunga sul significato della parola "satira" e sul perché, in un Paese controllato e limitato dalla politica, la satira non puó esistere. Ad esempio, é inutile spiegare ad un bambino concetti di termondinamica quando non sa ancora nulla di fisica o matematica...ti dirà che non capisce quello che gli stai dicendo. Quindi, in un Paese in cui tutti devono avere una opinione su tutto, occorrerebbe prima informarsi e capire.
Edizione 2016
Edizione 2015
Edizione 2014
Edizione 2013
Edizione 2012
di Daniele Daccò

Brexit: gli Snicci in Inghilterra

Parliamo di questa isola magica dove stanno accadendo strane cose

5 15 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Guardare in Alto

Quello che ho visto a Stazione Termini, tornando a casa.

5 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Votare per egoismo

Arriva il referendum e mi chiedo 'perché?'

7 5 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Due modi di essere Sexy

La Blizzard ci insegna cosa significa 'sessualizzare'

6 5 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Kikuchiyo e l'ipocrisia di Star Wars

Parliamo di quello che è successo dopo il teaser di Star Wars VIII

IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Pensieri a Freddo

Lo Spot Disney è Pro-Gay e la politica italiana si indigna.

1 1 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

I Libri Tagliati

Questo libro verrà stampato in forma ridotta per venire incontro alle vostre capacità mentali.

1 5 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Non vi meritate Star Wars

il pensiero del direttore su ciò che sta accadendo.

12 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Parigi: se Facebook potesse uccidere

Parliamo della terribile strage che ha colpito la Francia.

5 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Lucca Comics: è il senso del dovere che ci frega

OrgoglioNerd torna a Lucca per la quarta volta, venite a giocare con noi.

2 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Leggi Il Ritorno del Cavaliere Oscuro

Un articolo per quelli che 'Ma perchè Batman ha un'armatura?' o 'Batman vs Superman non ha senso'

1 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Contro la Religione Tutta

Un fan ci pone una domanda sulla quale riflettere.

9 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

I dadi tondi non sono naturali

No ai dadi sferici in Italia, aprite gli occhi sulla Lobby Sferoide.

1 4 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Tre anni fa: un vecchio poster

Un articolo dal passato per dirvi grazie, un articolo pubblicato tre anni fa.

IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Nerd in alto Mare

Qui comincia il nostro viaggio.

IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Il Grande Grievous

Vi siete mai sentiti in colpa per aver lasciato passare un altro giorno?

1 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

TG 4 & Rosetta: l'ignoranza a vinto

il Rinoceronte vi parla del vergognoso servizio del TG 4 sulla spedizione Rosetta.

19 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Shut Up Meg

Il Finto-Moralismo ai tempi di Facebook.

6 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Solo un po' di Bicarbonato

La storia di un Pker che dopo più di dieci anni ha capito tutto.

2 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Ho liberato il mio Charizard

Perché se vuoi davvero bene al tuo pokemon devi lasciarlo libero.

2 10 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Della Vipera e della Montagna

Lo scontro tra Oberyn Martell e la Montagna mi ha aperto gli occhi, quale è il posto di un Nerd?

6 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Rhino: l'importanza di un ruolo

Rhino di The Amazing Spiderman 2: quale è il problema?

2 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Quello che è successo a Londra con ZeroCalcare

Quello che è successo a Londra con ZeroCalcare, occhio per occhio.

IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Darkwing Duck conosce il futuro

Quale è la differenza tra Eroe immaginario e Eroe reale? Cosa c'entra ZeroCalcare?

IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Quasi Leo Ortolani

OrgoglioNerd a Londra con un ospite speciale, Leo Ortolani? No, ZeroCalcare.

IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Due Ghostbusters su quattro

La notizia della morte di Harold Ramis è giunta proprio durante la scrittura di questo articolo.

1 5 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

MewTwo aveva ragione

Sono i bulli che creano i Nerd?

6 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

L'avventura tre volte perduta: Shada

L'Odissea di un Rinoceronte per trovare un libro scomparso.

1 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Il Natale nel quale diventai un fumetto

L'unica questione è se essere della squadra dei buoni o dei cattivi. C'è poco da fare.

IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Il Momento Epico

Ogni Nerd ha dentro di se abbastanza energia per un 'Momento Epico'

3 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Lucca non è stata costruita in una notte

Che ci crediate o no, Lucca esiste anche quando non c'è il Lucca Comics.

4 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Smaug deve avere sei arti

E' importante che il drago de Lo Hobbit abbia sei arti e non quattro.

7 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

A Caccia di Dinosauri

Alla ricerca disperata di uno Stegosauro di plastica.

1 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Una Cotta di Maglia

Capita di dimenticare qualcosa dalla propria ex, ma se quel qualcosa fosse tutta la tua collezione di Magic?

6 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Meno di Dodici Parsec

Parliamo di viaggi, perché dal punto A al punto B c'è sicuramente qualcosa di interessante.

1 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

La solitudine di Paperone

Due settimane fa, ormai nella mia vita in quattordici giorni posso sorgere e cadere imperi per quanto sta diventando movimentata, [...]

5 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Cosa ti perdi mentre guardi lo Smartphone

L'arte di dare fastidio è potente in chi usa uno smartphone mentre gli parli.

6 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Il Nerd nel Carbonifero Inferiore

Il Nerd da qualche parte deve essere nato, creato. Qualche forza per noi incomprensibile deve aver deciso di non schiacciare [...]

1 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Quando la vita ti offre limoni

E' il compleanno di Orgoglio Nerd: Still Alive.

4 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Gente che odia Superman

Nella mia esperienza di giornalista “nerd” mi sono reso conto di una cosa: molti provano antipatia per il personaggio di [...]

IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Uno Zubat su mille

E' un importante traguardo quello raggiunto da O.N., io e tutta quanta la redazione non facciamo che darci pacche sulle [...]

2 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Non voglio andare.

Non tutti ci rigeneriamo alla morte, non cambiamo faccia e non diventiamo una nuova persona “stropicciata” quando la fine si [...]

IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Narvali dal Futuro

E' la Notte di Natale, c'è un unicorno in piedi di fianco a me, mi sta fissando.Almeno credo. Gli occhi [...]

1 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

La Zeta di Batman

I tre spiriti sono alle porte, il Natale comincia a fischiare in lontananza e così le tradizioni che conosciamo così [...]

IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

The Last Stand

Il Direttore ci parla del Lucca Comics 2012 e di Harry Potter, tiriamo le somme.

IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

You Should See Me Dance the Polka

Mesi fa in classe abbiamo proiettato una scena di “Il Dottor Jekyll e Mr. Hyde”, con Spencer Tracy del 1941. [...]

1 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

La Corsa Infinita

Credo che chi preferisca Road Runner a Wile E. Coyote debba porsi delle serie domande riguardo la propria autostima.Prima di [...]

4 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Un Greedo d'Amore

Questo mese sono successe tante cose nel mondo tra Marte, le Olimpiadi, Neil e tutto il resto, per questo ho [...]

1 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Formato Quadrato.

Stavo guardando il mio buon disegno di Angus Fangus appeso alla parete dell'ufficio mentre ho avuto l'illuminazione, o meglio una [...]

3 IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Piedi caldi

Un Rinoceronte non fa una bella figura in bikini, lo sapete. A prescindere da questo però in me c'è un [...]

2 IlRINOCERONTE
 
di Daniele Daccò

La volontà di Esopo

Parliamo di Dio e degli Animali.

IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Morire ogni Notte

Questo mese è stato un mese strano, non che abbia mai dato molte possibilità ad Aprile in generale ma, di [...]

IlRINOCERONTE
di Daniele Daccò

Una Nuova Speranza

Viene da chiedersi di tanto in tanto se sia effettivamente più difficile porre il proprio obiettivo in cima ad una [...]

IlRINOCERONTE