ACCEDI | REGISTRATI | AIUTO
ilRINOCERONTE, di Daniele Daccò

Leggi Il Ritorno del Cavaliere Oscuro

Forse hai appena scritto un commento tipo: "Ma Superman ucciderebbe Batman all'istante. Che senso ha farci un film sopra?" sotto un articolo dedicato a Batman v Superman: Dawn of Justice, forse hai appena fatto un post del genere e qualcuno, magari un perfetto sconosciuto, ti ha linkato questo articolo.
Niente Panico. Che tu ci creda o no esistono tonnellate di esempi che mettono in discussione il tuo dubbio, dai fumetti, ai videogame alle serie animate. Non immagini nemmeno quante volte Superman si è trovato in difficoltà di fronte al Cavaliere Oscuro, se non propriamente per "i muscoli" per l'intelletto, ma questa è una altra storia.
Quello che tu devi fare ora è leggere "Il Ritorno del Cavaliere Oscuro" di Frank Miller, non c'è altro da fare. Possiamo girarci intorno ma se hai detto una frase del genere, probabilmente, non sai di che parla questo capolavoro.
Non fa niente, c'è sempre tempo per rimediare e per evitare frasi tipo : "Si, ora tutti con l'armatura. Batman che copia da Iron-man. Non sanno più che inventarsi" (questo particolare intervento non è inventato, lo abbiamo letto sul serio)
Il Ritorno del Cavaliere Oscuro è una miniserie in quattro numeri del 1986, non c'entra con la pellicola di Nolan e si trova facilmente in qualsiasi fumetteria/libreria non preoccuparti e, a scanso di equivoci, ti avvertiamo perché parliamo strettamente di essa.
Prendiamo in esame questa particolare opera per tre semplici motivi: è una delle Graphic Novel chiave tra tutto il materiale mai uscito su Batman (pur non essendo strettamente in continuity), è strettamente legata alla pellicola di Snyder che hai commentato e, se proprio non hai voglia, esiste anche un'ottima versione animata della suddetta del 2013.
Questo è il consiglio che ti do, anonimo utente, se il tuo interesse è sincero, se hai voglia di addentrarti in un modo più vasto dove non esistono frasi imbarazzanti come quella che hai scritto.
Se invece vuoi la versione corta di quello che accade, un bigino per evitare figuracce. Continua a leggere.


Se stai parlando di qualcosa che non sai, in maniera arrogante, ti invitiamo a tirare un lungo sospiro e aprire la mente. Tutti sbagliamo, ora è il momento di fare un passo in un mondo più grande, quello della consapevolezza.
Batman v Superman (per quello che abbiamo potuto vedere)  cita ampiamente The Dark Knight Returns, in particolare la sua scena madre dove Batman affronta apertamente il Boy Scout dal Mantello Rosso e, per farlo, indossa una pesante e goffa armatura collegata direttamente alla linea elettrica di Gotham. I due si affrontano proprio nel vicolo dove Bruce ha perso i suoi genitori, Batman è vecchio, sa che morirà ma sa che può anche vincere.
Dopo una scarica sonica, dopo aver riversato nella testa di Superman tutta la corrente della città, dopo dell'acido in faccia e una nube Kryptonite, Batman, pesta a sangue l'uomo d'acciaio. Ormai con armatura e fisico distrutto, Batman lo umilia lì dove sono morti i genitori Wayne in una delle scene più epiche della storia del fumetto.
Superman è diventato uno zimbello al soldo del governo, tutti gli altri eroi sono considerate minacce e Batman la prima di esse. E' in questo istante dell'opera che comprendiamo a pieno quanto, in realtà. sia debole Superman.
La sicurezza di essere indistruttibile è una grande debolezza, ti fa abbassare la guardia, ti rende troppo sicuro di te e in quello stato "ebbro" commetti tanti errori, la caduta è vicina quando pensi che tutti gli altri siano solo formiche.
Superman, per citare Batman, si ricorderà per sempre nei suoi momenti più intimi dell'uomo che lo ha battuto.
Questo è solo l'esempio principale, quello dal quale devi partire per evitare post come quello che hai appena fatto. Leggi Il Ritorno del Cavaliere Oscuro.

Daniele Daccò, 29 luglio 2015, 00:04

Commenti (1)

Per poter commentare devi accedere al sito. Non sei ancora registrato su Orgoglionerd? Registrati!

LukeSaian 07/29/2015 06:07:13
Non ho mai scitto nulla del genere in quanto già conoscevo l'esistenza di questo fumetto anche senza averlo letto. Ma anche senza conoscerlo non ci vuole molto: tutti sanno che superman è vulnerabile alla kriptonite e a quel punto basta fare due più due. Poi è praticamente una costante nei racconti di fantasia quella di un personaggio debole che riesce a sconfiggerne uno molto più forte contro il quale apparentemente non avrebbe possibilità, o no? P.S. Dopo questo articolo pernso proprio che andrò a recuperarmi Il ritorno del cavaliere oscuro, mi ha messo addosso una gran voglia.
Advertisment