Home Chi siamo Rinoceronte Rubriche Notizie Puntine Calendario AS: Card Game O.N.TheRoad Calendario UglyDuckling

Eldritch Horror: un'avventura horror in un mondo di misteri

L'ambientazione dei libri di Lovercraft in un gioco da tavolo che vi coinvolgerà

In giro per il mondo, il male è in attesa. Ora, tu ed il tuo ristretto gruppo di colleghi dovrete girare il pianeta lavorando per ricacciarlo nell’oscurità. Vi attendono mostri folli, incontri brutali ed oscuri misteri che metteranno a dura prova la vostra sanità mentale, spingendovi al limite della pazzia, ed a volte anche oltre. 
Se amate i racconti di Lovercraft e l’universo mitologico di Cthulhu e dei Grandi Antichi da lui creato, di sicuro vi piacerà Eldritch Horror, un gioco cooperativo dove da 1 a 8 giocatori cercheranno di impedire il risveglio di uno degli antichi mostri.

Ogni giocatore ha a disposizione una scheda personaggio (la scatola base ne contiene 12), con i propri valori di Punti Ferita e Sanità Mentale. Se uno di questi punteggi scende a zero il personaggio muore o impazzisce ed il giocatore deve prenderne uno nuovo. I personaggi hanno inoltre altre 5 abilità: Conoscenza, Influenza, Osservazione, Forza e Volontà, che determinano il numero di dadi a 6 facce che il giocatore tirerà ogni qualvolta dovrà affrontare la prova relativa. A seconda della professione svolta dal personaggio, ciascuno inizia l’avventura con un proprio equipaggiamento: armi, oggetti o incantesimi.
In fase di setup si sceglierà uno dei quattro Grandi Antichi, che sarà il nemico della partita, e si seguono le indicazioni riportate sulla sua scheda per creare il Mazzo Miti prendendo una parte delle 50 carte contenute nella scatola. Per ogni Grande Antico esiste il relativo mazzo di Carte Mistero: se i giocatori riescono a risolvere la missione contenuta in tre di queste carte hanno scongiurato il risveglio del mostro ed hanno vinto. Infine, si posizionano un numero di portali variabile in base al numero di giocatori, e su ciascuno un token mostro scelto a caso.
Ad ogni turno si decide il primo giocatore e, a partire da lui ed in senso orario, tutti possono fare fino a due azioni a scelta tra quelle “universali” (viaggiare, riposare, scambiare beni,…” e quelle date dal proprio personaggio o dal proprio equipaggiamento. I giocatori possono (anzi devono!) accordarsi su come agire altrimenti il rischio del fallimento è dietro l’angolo. 

A questo punto, sempre nello stesso ordine, si risolvono gli incontri delle location: a seconda di dove si è fermato il personaggio si pesca una carta dal mazzo relativo ed effettua le prove richieste dalla carta, ricevendo a volte ricompense ed altre volte malus. Per le dodici città maggiori della plancia esistono tre mazzi dedicati (Europa, Asia / Australia, America). Se il personaggio si è fermato in una città con un portale, dovrà prima affrontare e sconfiggere tutti i mostri presenti e poi potrà pescare dal Mazzo Mondo Esterno per cercare di chiudere il portale. Infine, se sulla location è presente un segnalino Indizio, il giocatore può pescare dal Mazzo Indagine, anche questo caratteristico del Grande Antico scelto. In tutte le altre location il giocatore pesca dal Mazzo Incontro Generico.



Una volta che ogni giocatore ha affrontato il proprio incontro, si gira la prima carta del Mazzo Miti (quello che abbiamo preparato casualmente durante il setting), e qui può succedere di tutto: spuntano nuovi portali, spuntano nuovi mostri, i mostri in plancia attivano i loro effetti speciali, appaiono nuovi indizi o sottoquest che, se non risolte velocemente, portano alla sconfitta dei giocatori, e molto, molto altro. Ma la cosa peggiore è che alcune carte faranno avanzare il Segnalino Fato sulla barra relativa in base al numero di portali aperti in gioco: questo è il vero e proprio timer della vostra partita, e quando arriverà allo zero segnerà il risveglio del Grande Antico.

Al termine della fase dedicata al Mazzo Miti si guarda se la missione attiva del Mazzo Mistero è stata risolta. In caso positivo si mette da parte e se ne rivela una nuova. Se era la terza missione risolta della partita, i giocatori hanno vinto.
La mole di carte e segnalini a cui vi troverete davanti durante il primo setting potrebbe spaventare un po’, così come il sistema di scelta degli incontri, con i vari mazzi da cui pescare, ma vi assicuro che dopo i primi turni il meccanismo di svolgimento della partita diventa molto scorrevole. 
Non riesco a trovare altri punti negativi di questo titolo.

Chi ha letto i libri di Lovercraft troverà nei personaggi e nel flavour di cui è caratterizzata ogni carta rimandi e citazioni, ma anche chi non conosce il pantheon di Cthulhu percepirà l’atmosfera di mistero ed orrore celata dietro gli incontri. In aggiunta, il sistema del Mazzo Miti assortito casualmente impedisce che i giocatori prevedano in anticipo quale sfortunato evento capiterà a fine turno, mantenendo sempre alta la tensione della partita, in perfetta sintonia con l’ambientazione.
La casualità degli incontri legata alle carte, a cui si aggiungono le Carte Miti, le varie combinazioni di Grande Antico e personaggi, il mazzo di carte Oggetti e degli Incantesimi, rende ogni partita diversa. L'esperienza di gioco varia molto anche a seconda del numero di giocatori, restando comunque molto piacevole. Anche giocato in solitaria scorre piacevolmente e senza noia.

La durata di una partita è di almeno due ore, con punte di quattro ore se si è in tanti giocatori (sopra i sei). Non è un gioco veloce, ma la resa dell’ambientazione contribuisce a non far percepire per nulla lo scorrere del tempo. Raramente vi troverete a guardare che ora è prima della fine della partita.
In conclusione, un gioco da provare senza dubbio!

Commenti (0)

Edizione 2017
Edizione 2016
di Alessio Riccardi

The Gallerist: l'arte nel gioco da tavolo

Scopri nuovi artisti, esponi le loro opere e vendile ai collezionisti

2 Cubo di Sorte
di Alessio Riccardi

Diplomacy - Il gioco che distrugge amicizie dal 1959

Alleati con i vicini e pugnalali alla schiena prima che lo facciano loro!

1 Cubo di Sorte
di Alessio Riccardi

Dominion: il padre dei Deck Building

Vincitore dello Spiel des Jahres nel 2009, è il simbolo di un intero genere

Cubo di Sorte