Home Chi siamo Rinoceronte Rubriche Notizie Puntine Calendario AS: Card Game O.N.TheRoad Calendario UglyDuckling

LEGO Ninjago: il sacro colpo del mattoncino

Abbiamo visto in anteprima il nuovo film Lego, ecco cosa ne pensiamo!

Il 12 ottobre uscirà nelle sale cinematografiche italiane, parliamo ovviamente il secondo spinoff di LEGO Movie: LEGO Ninjago il film.
Direttamente dalla serie di cartoni animati ispirati al franchise sui ninja della LEGO nato nel 2006, questo film mira ad un pubblico ben preciso. 
Famiglie con bimbi. "Ovvio" direte, invece no. Lego Movie, il primo, aveva più di una lettura. Ricordate? (cliccate qui per la nostra recensione).
Questo film invece verrà amato dai bimbi, c'è qualcosa di male? No. Ma è bene dirlo subito.
I punti in comune con i due precedenti film a tema LEGO (LEGO Movie e LEGO Batman) ci sono e sono tanti, LEGO Ninjago porta con sé l’ironia del mondo di mattoncini  a incastro con gag divertenti sia per grandi sia per piccini e la serietà di un film che comunque non punta solo a far ridere senza insegnare
Ma apriamo il manuale di montaggio e andiamo con ordine.

Il film è una storia raccontata da un negoziante di antichità cinesi (Jackie Chan) ad un bambino finito per curiosità nel suo negozio e ci parla della città di Ninjago che è costantemente presa di mira dal perfido Garmadon. Attacco dopo attacco Garmadon punta alla conquista della torre più alta della città in modo da autoproclamarsi sindaco e governare su Ninjago. Fortunatamente i suoi attacchi sono sventati dalla squadra segreta dei ninja formata dal ninja della terra Cole, dalla ninja dell’acqua Nya, da Jay il ninja del fulmine, Zane quello del ghiaccio, Kai del fuoco e infine a guidarli Lloyd (figlio di Garmandon) il ninja verde (di cui abbiamo già fatto la conoscenza durante il consiglio dei mastri costruttori in LEGO Movie) con i loro rispettivi mecha.
Il conflitto padre-figlio tra Garmadon e Lloyd porterà il nostro ninja verde a peccare di superbia e a sfoderare l’Arma Definitiva mettendo così in pericolo tutta la città. 



Ed è proprio questo dualismo famigliare a fare da perno a tutta la pellicola. 
Loyd e Garmandon sono in disaccordo per molte ragioni al di là del fatto che uno è un eroe e l’altro un cattivo, sarebbe troppo facile.
Perchè  Lloyd sente la mancanza del padre nella sua vita e Garmadon si sforza di ignorare un figlio così alternativo, non considerato solo per diversità di "mansioni" nella sceneggiatura.
La trama li obbligherà ad entrare in relazione l’uno con l’altro dando così vita ad un processo di scoperta di loro stessi. Allo stesso modo la storia inviterà Lloyd e i suoi compagni a guardarsi dentro per trovare i loro veri punti di forza, il loro talento e la loro indole oltre le banalità e i classicismi dei loro ruoli.
Allora nella pellicola il concetto di famiglia si apre: c’è quella formata da Garmadon, padre malvagio e assente, Lloyd figlio cresciuto senza un padre e Koko, madre ed ex moglie che ha cresciuto il piccolo da sola, ma c’è anche la famiglia formata dalla squadra ninja. 
Una famiglia non di consanguinei ma di "fratelli sotto le armi", che si sostengono l’un l’altro completandosi. Entrambe le due tipologie sono sviluppate per essere comprese da un bambino ed entrambe riescono a ritagliarsi la giusta importanza ai suoi occhi.

Gli sketch riusciti e per lo più slapstick (visto il target basso) risultano godibili anche per i genitori che cercano un po' di relax e qualche risata senza pensarci troppo.
L'unica pecca del film è, purtroppo, la solita: il doppiaggio.
Se da una parte i professionisti eccellono dall'altra gli youtuber e le personalità del web coinvolte fanno o stesso effetto di pestare un Lego a piedi nudi.
In questo caso la voce dei due presentatori del telegiornale di Ninjago sono di Leonardo Decarli e di Lasabrigamer. Per quanto la performance di Decarli sia tollerabile grazie all’esperienza maturata tra cinema, TV e radio e in generale per la brevità, la sua controparte femminile regge il facile confronto raggiungendo e superando in negativo anche il livello di Geppi Cucciari con il doppiaggio di Barbara Gordon in LEGO Batman. 
Essere famosi non è sempre sinonimo di essere dei bravi doppiatori.
Non vi nascondiamo che storcerete il naso.

Lego ninjago il film è da vedere, se avete dei figli usateli come scusa per andare al cinema, si divertiranno loro e vi divertirete voi!
Prodotto da Warner Bros Pictures e diretto da Charlie Bean, Paul Fisher e Bob Logan, Lego Ninjago il film sarà nelle sale il 12 ottobre, siete pronti a tornare bambini?

Testi di Gabriele Porro

Commenti (0)