Home Chi siamo Rinoceronte Rubriche Notizie Puntine Calendario AS: Card Game Calendario UglyDuckling

Steven Universe e l'educazione sentimentale

Può un cartoon educare ai sentimenti?

Nel corso del Comic Con di San Diego 2016, durante un panel dedicato a Steven Universe, la creatrice Rebecca Sugar ha dichiarato che uno dei suoi scopi primari è quello di educare i bambini all'affettività e a tutto ciò che essa comporta. Le sue parole ci hanno dato modo di riflettere. Come può un cartone in apparenza (e badate: in apparenza) “semplice” come Steven Universe educare ad una tematica tanto complessa? Ci sta riuscendo? Ragioniamoci insieme.

Dopo le prime puntate, relativamente sconclusionate e più concentrate sulla comicità che sulla vera trama, è divenuto ormai abbastanza evidente come Steven Universe si regga in larga parte, se non del tutto, sulla tematica dell’amore. Non si parla per forza di amore romantico, ma anche di amore tra genitori e figli, tra fratelli, tra amici, di affetto tra compagni di una stessa squadra, e così via. La stessa esistenza di Steven come individuo è permessa dall'enorme amore che sua madre ha provato per lui – tanto da sacrificare la propria vita per permettere la sua nascita - elemento più volte ribadito nel corso della serie.

In Steven Universe la massima espressione del legame tra i vari personaggi è data dalla fusione. Si tratta di un mezzo tramite il quale due o più individui fortemente in sintonia possono, letteralmente, unirsi dando vita ad un terzo individuo completamente nuovo. Generalmente la fusione si può ottenere solo se entrambe le parti sono d’accordo e se entrambe si sforzano di mantenerla stabile: esattamente come si farebbe per una relazione in senso stretto. In questo senso vale la pena citare la prima fusione palese che vediamo, ovvero quella tra Pearl e Amethyst, Opal. Inizialmente le due hanno parecchie difficoltà, più impegnate a rinfacciarsi le rispettive mancanze che a concentrarsi sul mantenimento della propria nuova forma, e parliamoci chiaro: non sono neanche particolarmente felici di doversi fondere. Dopo parecchie puntate, invece, vediamo che qualcosa è cambiato. Il rapporto tra Pearl e Amethyst è maturato e si è fatto più forte, entrambe hanno appianato le proprie divergenze, e dunque riescono a fondersi con relativa facilità.
Per il resto, è doveroso citare anche Garnet, la quale nasce dalla fusione di Ruby e Sapphire: due gemme profondamente innamorate, tanto da decidere, letteralmente, di non separarsi mai.



L’amore in Steven Universe è sì prevalentemente mostrato nella propria accezione positiva, ma allo stesso tempo è sempre estremamente reale. Non si tratta dell’amore stucchevole da romanzetto rosa o da fiction all'interno della quale tutti si amano e si tengono per mano felici e contenti. I personaggi commettono errori, consapevolmente o inconsapevolmente, di continuo. Si feriscono, talvolta con vero e proprio astio dettato da gelosia o puro egoismo. Amethyst è arrivata al punto di trasformarsi in Rose, per ferire Greg e “punirlo” sia del fatto di avergliela portata via sia per aver trascurato la loro amicizia. Anche Pearl porta ancora con sé le ferite causate dalla perdita di una persona amata e dalla nostalgia di casa, tanto da arrivare a mettere in pericolo la vita di Steven per provare a tornare sul proprio pianeta. Ruby e Sapphire, la coppia innamorata e indissolubile, arrivano a litigare ferocemente per un’incomprensione. C’è poi chi usa la fusione solamente per raggiungere i propri scopi, per brama di potere, per sentirsi “padroni” dell’altro e sfruttarlo per i propri desideri personali. È ciò che accade tra Lapis e Jasper.
Gli esempi da fare sarebbero ancora tantissimi, presenti in quasi ogni puntata: voi stessi potete constatarlo. 
Tuttavia, sebbene i personaggi commettano degli errori, e ne soffrano anche in maniera molto marcata, tendono (quasi) sempre ad imparare da essi. A migliorarsi, ad avere l’umiltà di fare un passo indietro e chiedere scusa quando si rivela essere necessario – anche dopo parecchio tempo, a volte, ma lo fanno. Proprio come dovrebbe essere nella vita reale.

Probabilmente è proprio questa la lezione più importante da trasmettere, sia ai bambini che agli adulti. L’amore non è semplice.
Ci rende vulnerabili, ma ci rende anche dei potenziali carnefici. Riguarda non soltanto noi stessi, ma anche altri individui: ogni volta che creiamo un legame con qualcuno ci troviamo nella posizione di essere feriti e di poterli ferire, più o meno consapevolmente. Sta a noi decidere se e come sfruttare questo potere, se utilizzarlo a nostro vantaggio, sfruttandolo per fare del male e perseguire con egoismo i nostri scopi, oppure se mettere da parte il nostro ego, tentando di essere altruisti e di rispettare chi ci sta di fronte.  

Commenti (1)

TheButcher
21/04/2017 17:37:29
Articolo stupendo. Steven Universe dimostra molte volte di essere un cartone maturo e sa esprimere molto bene il concetto di amore.