Home Chi siamo Rinoceronte Rubriche Notizie Puntine Calendario AS: Card Game O.N.TheRoad Calendario UglyDuckling

Io Sono Iron Fist

Vi presentiamo l'ultimo Difensore: Pugno d'acciaio

Tra poco meno di tre giorni farà il suo debutto Iron Fist, la serie dedicata all'ultimo supereroe targato Netflix, prima di catapultarci in autunno alla serie collettiva The Defenders.
Del diavolo di Hell’s Kitchen e di Luke Cage non si è mai posto il problema di doverli presentare; di Jessica Jones ne abbiamo parlato ampiamente e perciò ora, per chiudere il cerchio dei Difensori, non rimane che presentare anche l’ultimo. 
Chi è Iron Fist?

Daniel Thomas “Danny” Rand-K’ai, che è il vero nome celato sotto la maschera di Pugno d’acciaio, è un personaggio creato da Roy Thomas e Gil Kane nel 1974. 
La sua nascita è dovuta alla forte ondata di successo dei film di arti marziali che, iniziata negli anni Settanta e poi protrattasi per un decennio, ne ha convinto gli ideatori portandolo sul tavolo dell’editore Stan Lee.
Danny nasce a New York, figlio del magnate dell’imprenditoria Wendell Rand e di sua moglie Heather, e fino a nove anni conduce la normale vita di un bambino ricco. Ancora piccolo parte per una spedizione in Tibet assieme ai genitori e al loro socio in affari, Harold Meachum, alla ricerca della mistica città di K'un-L'un, un luogo accessibile soltanto una volta ogni decennio, dove suo padre aveva trascorso la fanciullezza. Durante la scalata dell'Himalaya tuttavia, Meachum uccide Wendell per poter avere campo libero con Heather, sebbene la donna lo respinga e scappi insieme al figlio.

Le difficili condizioni atmosferiche e la crudeltà della natura non lasciano scampo alla madre che poco dopo viene sbranata da un branco di lupi ma come ultimo atto riesce a mettere in salvo Danny, il quale viene trovato da una pattuglia di arcieri di K'un-L'un e condotto a cospetto del sovrano, Yu-Ti il Signore della Montagna di Giada. Quest’ultimo, amico e fratello adottivo di suo padre, decide di ospitarlo e aiutarlo a perseguire il suo desiderio di vendetta e incarica Lei Kung il Tonante di fargli da mentore insegnandogli le arti marziali praticate nella città.



Da allora dedica tutte le sue energie all’addestramento che lo porterà, dieci anni dopo, a sostenere il più importante rito mistico di K’un-L’un: affrontare il drago Shou-Lao l’Immortale. Una volta passato, e sconfitta la gigantesca creatura, su Danny compare un tatuaggio a forma di dragone e ottiene il diritto di immergere le mani nel braciere contenente il cuore del drago, ricevendo così il potere del Pugno d’acciaio. Ritorna a New York deciso più che mai a vendicare l’assassino di suo padre ma una volta trovatoselo di fronte, ormai vecchio e storpio, decide di desistere e di risparmiarlo. 
Senza più l’obiettivo che ha animato tutta la sua adolescenza decide di mettere le proprie abilità al servizio del bene, diventando un supereroe, con il nome di Pugno d’acciaio.

Se da un lato le vicende di Danny iniziano con una base solida, pronte a evolversi negli anni, in parallelo la sua vita editoriale deve e dovrà affrontare molti ostacoli lungo il cammino.
Con il successivo calo di popolarità delle arti marziali anche la testata di Iron Fist vede diminuire le vendite e perciò, per evitarne la chiusura, si decide di affiancarlo ad un altro supereroe che navigava in cattive acque: Luke Cage, alias Power Man. La coppia si rivela un discreto successo e il team-up riesce a risollevare le sorti dei due eroi evitandogli un’indecorosa cancellazione. 
Da allora ad oggi i titoli delle testate, i nomi dei team-up, le partecipazioni ai supergruppi e le pubblicazioni sono cambiate diverse volte, seguendo il flusso del mercato, le tendenze e le mode ma Pugno d’acciaio è riuscito ad arrivare fino ad oggi con la sua storia e questo non sarebbe stato possibile senza le sue capacità fuori dall'ordinario.

È, infatti, uno dei maggiori esperti di arti marziali del pianeta, addestrato in tutte le tecniche di combattimento corpo a corpo esistenti ed è perciò classificato come “arma letale”; inoltre ha un perfetto controllo del proprio ki, il che gli consente di aumentare le proprie capacità fisiche fino a livelli sovraumani. 
Come se non bastasse, ciliegina sulla torta, l’aver ucciso il drago e aver immerso le mani nel braciere gli ha concesso la forza mistica “Pugno d’acciaio”, che gli consente di concentrare il suo ki nelle mani e rendere i suoi pugni in grado di distruggere anche i materiali più duri.
Il nostro consiglio è di guardate la serie Netflix, che potrà piacervi o meno, ma non fatelo sapere a Danny Rand, a meno che non vogliate mettere alla prova le sue abilità.

Commenti (1)

Carlo Rossi
16/03/2017 16:31:24
"È, infatti, uno dei maggiori esperti di arti marziali del pianeta"

Beh, leggendo le anteprime sembra ne pigli tante quanto Daredevil...
Non ci sono piu' i supereroi di una volta, ormai basta una vecchina con l'ombrello per metterli in difficolta'.