Home Chi siamo Rinoceronte Rubriche Notizie Puntine Calendario AS: Card Game O.N.TheRoad Calendario UglyDuckling

12 incipit di romanzi che ci hanno conquistati

Le prime impressioni contano

Come ogni lista anche quella che segue è assolutamente arbitraria. Tuttavia, gli elenchi sono sempre piacevoli, dal momento che assecondano la nostra naturale predisposizione alla catalogazione e sono rassicuranti. Mettono ordine in un mondo in disordine. Se, come dice Kimmy Schmidt, è possibile affrontare qualsiasi cosa dieci secondi alla volta, allora è possibile affrontare il vasto e terrificante mondo che ci circonda lista dopo lista. 
L’inizio di un libro è una questione delicata. Deve catturare da subito l’attenzione del lettore e incoraggiarlo a proseguire. L’inizio e la fine di un testo, insomma, sono una cosa seria. E sono diventati anche oggetto di culto
Negli ultimi anni sono fioriti numerosi libri e siti internet che raccolgono quelli che vengono considerati i migliori inizi della letteratura. Ci sono persino manuali che promettono la magica ricetta per un ottimo incipit. Per aspiranti scrittori, una buona prima frase può significare la fortuna o meno della loro opera o comunque la prima linea di difesa dallo scetticismo di agenti e editori. 
Il fatto è che gli incipit e le conclusioni di un testo sono oggetti letterari interessanti, con il valore aggiunto di sembrare colti se se ne parla, senza dover necessariamente aver letto il libro in questione (del resto, chi vi assicura che noi abbiamo letto i libri che elencheremo?).
Nella nostra lista non ci sono i primi versi di grandi poemi: niente Dante, Ariosto o Tasso. Nessuna selva oscura in cui smarrirsi, niente donne, cavallier, arme e amori. Nessuna ira funesta e infiniti lutti. 
Sono i dieci inizi per noi più belli di romanzi contemporanei, diciamo dall’Ottocento ai giorni nostri. In ordine sparso. 
Che ci hanno catturato da subito o che ci sono rimasti impressi. E che magari, di tanto in tanto, non ci dispiace citare anche senza una ragione manifesta. 
Ardua impresa, non c’è che dire. Fateci sapere cosa ne pensate e, ovviamente, quali sono i vostri incipit preferiti.
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12

Cose preziose, Stephen King

"Sei già stato qui" in corpo 20 su un foglio bianco. È l’inizio di Cose preziose ed è, fra gli incipit dei suoi romanzi, quello che Stephen King stesso preferisce.Certo non è facile scegliere nella abbondante produzione del Re. Che dire di Le cose più importanti sono le più difficili da dire del racconto Il corpo contenuto nella raccolta Stagioni diverse e da cui è stato tratto Stand by Me - Ricordo di un’estate di Rob Reiner? Oppure l’inizio della saga de La Torre Nera: L’uomo in nero fuggì nel deserto e il pistolero lo seguì.O ancora It: Il terrore che sarebbe durato per ventotto anni, ma forse di più, ebbe inizio, per quel che mi è dato di sapere e narrare, con una barchetta di carta di giornale che scendeva lungo un marciapiede in un rivolo gonfio di pioggia.E Le notti di Salem: Pensavano quasi tutti che l’uomo e il ragazzo fossero padre e figlio.

Commenti (2)

Jacopo Peretti Cucchi
07/03/2017 20:57:47
Bravissimo Leonardo!
Margherita Iuorio
09/03/2017 14:06:10
Mi permetto un'aggiunta: "Gregor Samsa, destandosi un mattino da sogni agitati, si trovò trasformato nel suo letto in un enorme insetto immondo." incipit di "La metamorfosi" di Franz Kafka.
Io l'ho adorato :D